Vetus Ordo Missæ bassa del 15-12-2019

Vetus Ordo Missæ bassa del 15-12-2019. Celebra don R. Patalanodi redazione

Domenica 15-12-2019 alle ore 11:15, presso la nuova Chiesa dedicata a San Savino in Uscerno di Montegallo (20 minuti dal centro storico di Ascoli Piceno, strada provinciale 89) si è svolta la Santa Messa bassa in rito romano straordinario del Coetus Fidelium “Beato Marco da Montegallo”.
La liturgia è stata celebrata dal Vice Cancelliere di Curia don Riccardo Patalano, aiutato dal chierichetto Giuseppe Baiocchi. Nell’Omelia don Riccardo citando il Vangelo di Giovanni – III Domenica d’Avvento – ha ricordato le parole di san Giovanni Battista ai messi dei Giudei: «Io sono la voce di colui che grida nel deserto. […] Io battezzo coll’acqua, ma in mezzo a voi sta uno che voi non conoscete. Questi è colui che verrà dopo di me, ed a cui non son degno di sciogliere il legaccio dei calzari».
Il Signore può dunque essere vicino; può anche essere venuto, e tuttavia rimanere ancora sconosciuto a molti. Questo divino Agnello è la consolazione del santo Precursore, il quale ritiene un grande onore l’essere la mera voce che grida agli uomini di preparare le vie del Redentore. San Giovanni è in questo il tipo della Chiesa e di tutte le anime che cercano Gesù Cristo. La sua gioia è completa per l’arrivo dello Sposo; ma è circondato da uomini per i quali il Divino Salvatore è come se non ci fosse.
Ora, eccoci giunti alla terza domenica del sacro tempo dell’Avvento: sono scossi tutti i cuori alla voce del grande annunzio dell’arrivo del Messia? Quelli che non vogliono amarlo come Salvatore, pensano almeno a temerlo come Giudice? Le vie storte si raddrizzano? Le colline pensano ad abbassarsi? La cupidigia e la sensualità sono state seriamente attaccate nel cuore dei cristiani?
Il tempo stringe: Il Signore è vicino! Se queste righe cadessero sotto gli occhi di qualcuno di quelli che dormono invece di vegliare nell’attesa del divino Bambino, lo scongiureremmo di aprire gli occhi e di non aspettare oltre a rendersi degno d’una visita che sarà per lui, nel tempo, l’oggetto d’una grande consolazione, e che lo rassicurerà contro tutti i terrori dell’ultimo giorno.
O Gesù, manda la tua grazia con maggiore abbondanza; costringili ad entrare, affinché non sia detto del popolo cristiano quello che san Giovanni diceva della Sinagoga: In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete.
Dobbiamo dunque rallegrarci nel Signore, poiché il Profeta e l’Apostolo concordano nell’incoraggiare i nostri desideri verso il Signore: l’uno e l’altro ci annunciano la pace. Stiamo dunque tranquilli: Il Signore è vicino; è vicino alla sua Chiesa; è vicino a ciascuna delle nostre anime. Possiamo forse restare presso un fuoco così ardente, e rimanere freddi? Non le sentiamo forse venire, attraverso tutti gli ostacoli che la sua suprema elevazione, la nostra profonda bassezza e i nostri numerosi peccati gli suscitano?
Egli supera tutto. Ancora un passo, e sarà in noi. Andiamogli incontro con le preghiere, le suppliche, i rendimenti di grazie di cui parla l’Apostolo. Raddoppiamo il fervore e lo zelo per unirci alla santa Chiesa, i cui sospiri verso colui che è la sua luce e il suo amore diventano ogni giorno più ardenti.
© Coetus Fidelium Beato Marco da Montegallo – Riproduzione riservata